Quanto sono delicate le fontanelle nei neonati

fontanelle-neonato

Il cranio del neonato, durante il parto, svolge delle movimenti fisiologici per velocizzare l’espulsione dal canale del parto, questo è possibile perchè il neonato ha le ossa del cranio ancora in via di sviluppo,e grazie alla presenza di membrane malneabili e possibile ridurre la circonferenza cefalica.

Molto spesso dalle nonne ci si sente ripetere “non toccare la testa del neonato, ha le fontanelle aperte,potrebbe essere pericoloso!”; questa convinzione, per fortuna, è in parte sbagliata in quanto, è bensì un’area delicata ma non cosi tanto da non poter essere strofinate e toccate con gentilezza durante la pulizia quotidiana.

Lo sviluppo della scatola cranica avviene in gran parte nel primo anno di vita, alla nascita le ossa sono più morbide e tra di loro esistono degli spazi vuoti chiamati “fontanelle”. Infatti in corrispondenza di queste ossa craniche c’è una membrana fibrosa, flessibile e soprattutto resistente.

Le fontanelle principali sono due, quella anteriore che si colloca sopra la fronte del bambino e ha una forma che ricorda il rombo, e quella posteriore di dimensioni nettamente più piccole di forma triangolare si colloca appena sopra alla nuca.

La funzione principale delle fontanelle è di permettere alle ossa del cranio di crescere fino al raggiungimento delle dimensioni di un adulto; l’altra funzione principale riguarda la protezione del cranio in caso di trauma cranico, perchè in caso di urto la loro elasticità entra in gioco e attuisce l’impatto e impediscono la rottura del cranio.

Durante il parto, nel periodo espulsivo, le fontanelle si sovrappongono lievemente tra loro senza riportare alcun trauma al cervello del bebè.

La chiusura delle fontanelle avviene tra l’ottava settimana per quella posteriore, mentre entro il complimento del diciottesimo mese si chiude quella anteriore.

La chiusura precoce o tardiva delle fontanelle è un segno d’allarme, in quanto se la fontanella si salda al compimento del 6 mese di vita del bambino si genera una situazione di “craniostenosi” e in questo caso bisognerebbe intervenire chirurgicamente. Nel caso opposto, se la fontanella al compimento del diciottesimo mese è ancora bella aperta significa che il bambino ha una mancanza di calcio e di vitamina D.

Tutte le mamme dovrebbero quotidianamente controllare le fontanelle del proprio bambino in quanto se la fontanella è leggermente depressa significa che il bambino sta bene, mentre se è molto depressa è segno di una disidratazione dovuta dal caldo oppure dalla febbre. Nel caso opposto, se la fontanella risulta sporgente al cranio bisogna subito contattare il pediatra perchè potrebbe essere un’infiammazione.


Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>